Foto: Maurizio Lollini / Ufficio Stampa Bartoccini Fortinfissi Perugia

Buona la prima! Le magliette nere vincono 3-1 l’esordio Playoff

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – BOSCA S.BERNARDO CUNEO 3-1 (27-25 22-25 25-21 25-17)

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Havelkova 16, Aelbrecht 10, Ortolani 20, Angeloni 5, Koolhaas 10, Di Iulio 3, Cecchetto (L), Carcaces 14, Mlinar 1, Rumori (L), Agrifoglio. Non entrate: Casillo, Scarabottini.
Allenatore Mazzanti.

BOSCA S.BERNARDO CUNEO: Giovannini 10, Candi 12, Signorile, Ungureanu 22, Zakchaiou 10, Bici 14, Zannoni (L), Turco, Gay. Non entrate: Stijepic, Fava.
Allenatore Pistola.

Durata set: 31′, 28′, 28′, 24′ Totale: 111′.
MVP: Serena Ortolani


PERUGIA – Prima partita nei play off e prima storica vittoria per la Bartoccini Fortinfissi Perugia. La squadra di coach Mazzanti conferma i progressi dell’ultima parte di stagione e piega in quattro set la Bosca San Bernardo Cuneo in gara 1. Le “magliette nere” sono riuscite ad avere la meglio sulle avversarie al termine di una partita giocata con la massima determinazione dal primo all’ultimo pallone. Mercoledì in Piemonte si giocherà il secondo atto: chi passa il turno trova la Igor Gorgonzola Novara nei quarti di finale.

Il primo allungo della prima frazione è di Cuneo, che sfrutta un errore di Havelkova. Mazzanti ferma subito il gioco sul punteggio di 8-11. Le piemontesi perdono il ritmo e Perugia mette la testa avanti 14-13 con l’ace di Mlinar, entrata in campo al posto di Koolhaas proprio per la battuta. Pistola non gradisce e chiama time out. La Bosca San Bernardo si riporta avanti con il turno di servizio di Zakchaiou, ma Ortolani mette a terra il 16 pari. Angeloni rompe l’equilibrio sul 22-21, costringendo la panchina ospite a rifugiarsi nel secondo minuto di pausa a disposizione. Bici mura il capitano delle “magliette nere” e questa volta è il coach di casa a fermare il gioco sul 22-23. Koolhaas e Havelkova annullano due set point alle ospiti, poi il muro di Aelbrecht ne regala uno alla Bartoccini Fortinfissi che lo sfrutta al meglio con l’ace di Di Iulio per il 27-25.

In avvio di secondo set l’attacco fuori misura di Candi consegna il 9-6 a Perugia: Pistola ferma il gioco per correggere il tiro. La pausa non sortisce gli effetti sperati, Havelkova mette a segno due ace consecutivi e sul 12-7 è di nuovo time out richiesto dalla panchina della Bosca San Bernardo. Ungureanu guida la riscossa delle piemontesi, che risalgono fino al 13-10. Coach Mazzanti spende il primo minuto a disposizione per parlare con la propria squadra. Il servizio di Candi continua a mettere in difficoltà la ricezione di Perugia, che vede ridursi il vantaggio a una sola lunghezza. Cuneo vola sul 14-16 con Bici: Mazzanti manda in campo Rumori e Carcaces, ma sul 15-18 dopo l’ace di Ungureanu deve fermare il gioco. Candi svetta a muro su Havelkova per il 19-21, Giovannini e la centrale piemontese trovano il 20-24. Ortolani e Carcaces cancellano i primi due set point, poi Havelkova affossa a rete il servizio dopo l’interruzione per il video check chiesto da Cuneo, che si aggiudica il set 22-25.

L’ace di Ortolani a inizio terzo set vuol dire 5-2 per Perugia e time out di coach Pistola, che non vuol far scappare le umbre. Gay rileva Giovannini, ma a ricucire lo strappo ci pensa Ungureanu: 6-5. Carcaces e Havelkova combinano per il 9-5, Di Iulio si mette in proprio e trova il 12-7. Il secondo minuto di sospensione chiesto dalla panchina della Bosca San Bernardo arriva sul 16-11 dopo l’ace di Aelbrecht, ma la mossa non toglie inerzia a Perugia che allunga 19-12 con il servizio vincente di Ortolani. Carcaces sbaglia due attacchi consecutivi e Mazzanti decide di parlaci sopra con il tabellone che dice 20-15. Candi e Bici guidano la rimonta di Cuneo, che costringe la panchina umbra a chiamare time out sul 21-18. La Bartoccini Fortinfissi non si distrae: Carcaces piega la difesa ospite e Ortolani usa le maniere forti per il 25-21.

Il primo vantaggio significativo del quarto set è della Bosca San Bernando che con Zakchaiou e Ungureanu mette a referto il 2-5. La difesa di Perugia tiene, Ortolani e Havelkova non vanno tanto per il sottile e il sorpasso si materializza sul 7-6 con Pistola che corre ai ripari fermando la partita. Il muro di Carcaces dà il 13-10 alle “magliette nere”, Cuneo non molla e sul 14-13 Mazzanti chiede il primo time out. Perugia ritrova il pallino del gioco: Koolhaas sigla il 17-13 e la panchina ospite spende il secondo minuto di sospensione. Ortolani fa la voce grossa a muro, Havelkova non trema: 23-15. Aelbrecht mette a terra il 25-17 che consegna a Perugia la prima storica vittoria ai play off. 

Le parole di Serena Ortolani, opposto della Bartoccini Fortinfissi Perugia, premiata come Mvp della partita: Abbiamo molta più fiducia in noi stesse, anche in questa gara siamo riuscite a dimostrare quello che sappiamo fare. Ma bisogna stare con i piedi per terra, c’è da giocare la partita di ritorno e non abbiamo ancora fatto niente. A Cuneo dobbiamo scendere in campo per vincere senza fare troppi calcoli, pensando soltanto ad andare avanti nel nostro percorso di crescita”.

Noemi Signorile, palleggiatrice della Bosca San Bernardo Cuneo: “Entrambe le squadre hanno lottato su ogni pallone e alla fine ha vinto l’esperienza di Perugia. C’è ancora la gara di ritorno, aspetteremo la Bartoccini con il coltello fra i denti, vogliamo andare avanti in questi play off. Abbiamo commesso troppi errori in mezzo al campo, bisogna essere più lucide; loro sanno difendere e rigiocare, noi dobbiamo avere più pazienza”.