Valentina Mearini

La Tuum dilaga a Pescara

Il sesto successo stagionale coincide con la prima affermazione esterna per la Tuum Perugia che rompe così l’incantesimo lontano dalle proprie mura e resta nella scia delle formazioni fuggitive. Le magliette nere continuano a lottare per le posizioni che contano in serie B1 femminile e si sbloccano finalmente in trasferta raccogliendo tre punti che sono frutto di una prestazione autoritaria. Nei panni della vittima predestinata una Dannunziana Pescara che ha dimostrato di avere qualità ed orgoglio sufficienti a competere per obiettivi ben migliori di una semplice salvezza, ma questo e ciò che indica la classifica dopo nove giornate. Sono stati colpi calibrati in attacco di Michela Catena (quattordici) ed i muri compatti di Valentina Mearini (sei) a rendere il compito difficile alle abruzzesi che dopo un primo set tutto grinta si sono affievolite. Al fischio d’inizio si mette subito in evidenza Mearini che col muro spinge le ospiti sul 5-10. Basta Arnoldi per riorganizzare la manovra delle adriatiche che in un batter di ciglio rimettono in asse il punteggio (11-11). La fase centrale del set non è priva di errori e le squadre rimangono a braccetto (17-17). Le perugine provano con Cruciani ad operare lo strappo ma i tre punti di vantaggio non reggono e due errori consecutivi obbligano coach Bovari a chiamare time-out (22-22). Ad essere determinante è l’attacco di Catena che castiga e vale l’uno a zero. Nel secondo parziale le umbre forzano la battuta e scavano subito un solco importante (3-11). La reazione delle locali produce solo qualche spunto a muro mentre Barbolini incide ed amministra il margine (12-19). Sul finale ci prova Di Bonifacio a recuperare ma ormai le distanze sono enormi e colmare il gap è impossibile, il punto del raddoppio è un muro di Mearini. Terza frazione che comincia nel segno dell’equilibrio, sul 5-5 comincia la progressione irresistibile delle umbre che con la scatenata Mearini (sette punti nel frangente) mette un divario importante tra le due antagoniste (13-19). Le padrone di casa tirano i remi in barca e per Chiavatti che tiene alte le percentuali di ricezione della Tuum è semplice andare a festeggiare.
DANNUNZIANA PESCARA – TUUM PERUGIA = 0-3
(22-25, 19-25, 17-25)
PESCARA: Costantini 15, Arnoldi 10, Di Bonifacio 7, Di Gregorio 5, Colatriano 3, Mileno 2, Caldarelli (L), Ricci 1. N.E. – Bianchi, Di Bacco. All. Mattia De Angelis e Bruno Mazzucato.
PERUGIA: Mearini 14, Catena 14, Cruciani 9, Puchaczewski 6, Barbolini 6, Baruffi 3, Chiavatti (L1), Mancuso. N.E. – Di Romano, Ragnacci, Pani, Cicogna, Santibacci (L2). All. Fabio Bovari e Daniele Panfili.
Arbitri: Manuel Gallegra e Serena Salvati.
DANNUNZIANA (b.s. 6, v. 7, muri 9, errori 17).
TUUM (b.s. 4, v. 6, muri 7, errori 12).