TUUM PERUGIA •Volley

Si comincia a valutare il lavoro svolto

La Tuum Perugia comincia a concentrarsi sull’inizio della nuova stagione agonistica, quella che vedrà la squadra partecipare ancora una volta al campionato di serie B1 femminile. Procede a ranghi completi la preparazione delle magliette nere in cerca del miglior assetto, da ormai tre settimane si suda in palestra ed il clima che si respira è senza dubbio di grande motivazione. Lo staff tecnico si sta rendendo conto delle caratteristiche dei suoi nuovi elementi ma ora comincia a valutare il lavoro sotto rete negli immancabili e necessari test amichevoli. La preparazione fisica non è ovviamente terminata, lo staff tecnico però ha iniziato il lavoro con la palla e le indicazioni dello stato di avanzamento lavori verranno dai responsi del campo. Il primo test-match è fissato per venerdì 18 settembre alle ore 18,45 al Pala-Evangelisti contro il Ponte Valleceppi, una squadra di categoria inferiore che conta su un collettivo che si conosce molto bene e che sicuramente darà del filo da torcere. La seconda verifica sul campo sarà quella di martedì 22 settembre alle ore 18,45 sempre tra le mura amiche con le perugine che saranno impegnate contro il Gubbio, altra formazione umbra di B2. L’antipasto di campionato avverrà, contro Orvieto, compagine tra le sicure protagoniste della terza categoria nazionale ancora una prova casalinga messa in cartello per giovedì 24 settembre alle ore 18,45. Sempre nell’impianto sportivo di Pian di Massiano martedì 29 settembre alle ore 18,45 le grifone si misureranno con il Trevi, una delle nemiche storiche degli ultimi anni che è iscritta alla serie B2. Nel mese successivo gli ultimi ritocchi, ancora al Pala-Evangelisti giovedì 2 ottobre alle ore 19,45 con Gubbio e martedì 6 ottobre alle 18,30 con Trevi, mentre l’ultima uscita dovrebbe avvenire giovedì 9 ottobre contro una squadra ancora da confermare. È ovvio che in questi incontri il tecnico Fabio Bovari assistito dal vice Daniele Panfili darà spazio a tutte le effettive per evitare di non sovraccaricare nessuna, cominciando però a fare le prime valutazioni. Di certo ancora non si può pretendere troppo dalle atlete e bisognerà fare tutte le considerazioni del caso dato che le atlete provengono da un periodo intenso nel quale sono stati utilizzati grossi carichi di lavoro. Grande è comunque la curiosità della dirigenza e degli operatori del settore per vedere all’opera il rinnovato sestetto, le partite del periodo saranno affrontate per migliorare l’intesa di un team che propone diverse novità.