Natascia Mancuso

Anche Natascia rinnova con noi

Ci sono ancora conferme importanti nella Gecom Security Perugia i cui vertici dirigenziali sono al lavoro per preparare al meglio l’ennesima stagione di serie B1 femminile. La strategia del club umbro per questa estate non varia molto da quelle precedenti, una politica che tende a non stravolgere l’ossatura della squadra e che non poteva non comprendere l’universale Natascia Mancuso che si dichiara entusiasta di indossare ancora la maglia nera: «Tornare a giocare per il secondo anno consecutivo in una squadra cosi splendida non può che farmi contenta. Per me Perugia è una sorta di seconda casa, il gruppo, lo staff, il pubblico e la gente al di fuori della pallavolo sono meravigliosi. Avevo già dato la mia parola prima che finisse il campionato e non ho mai avuto intenzione di tradirla, per cui eccomi qui di nuovo. Un anno come quello scorso non posso che portarlo sempre nel mio cuore, ma con la stessa grinta, la stessa determinazione e la voglia di combattere, ci apprestiamo a cominciare una nuova stagione, sono convinta che saremo più cariche di prima». La giocatrice mancina, con 181 cm. e dotata di notevole potenza in attacco, ha caratteristiche tecniche duttili e può essere schierata sia in posto-due che in banda, esamina serenamente il campionato che si è concluso ai quarti di finale dei play-off ma il suo pensiero è già rivolto al futuro. «La squadra era nuova e giovane, non avevamo nessun obiettivo specifico se non quello di crescere nel tempo, abbiamo lavorato bene tutto l’anno arrivando a disputare gli spareggi promozione che io con rammarico non ho potuto giocare al meglio a causa di un infortunio alla caviglia. Il buon risultato credo sia dovuto al fatto di essere rimaste unite fino all’ultimo pallone caduto a terra. Non sto parlando solo di una squadra, ma di bellissimi rapporti creati anche al di fuori del palasport. Ogni anno si scrive un nuovo capitolo, questo per me é stato uno dei migliori, senza nulla togliere agli altri. Il 31 agosto parte una nuova stagione, bisognerà migliorare tanto ma non mi manca la voglia di farlo». Di origine calabrese, Mancuso è una delle pedine con maggior esperienza nella terza categoria nazionale, l’atleta classe 1992 ha iniziato a fare i primi palleggi a Lamezia Terme arrivando giovanissima a disputare la B1, nel 2008 il passaggio a Pavia dove ha disputato due ann1 di A1 ed uno di B2, dal 2010 è protagonista stabile della B1, prima a Casette D’Ete, poi a Figline Valdarno, un anno a Soverato in A2, poi a Todi sino al trasferimento della scorsa stagione a Perugia.