Silvia Tosti

Niente da fare con Scandicci

GECOM SECURITY PERUGIA- SAVINO DEL BENE SCANDICCI 0-3 (26-28, 19-25, 18-25)
GECOM PERUGIA: Cruciani Cri.14, Tosti 10, Montechiarini 8, Delfino 8, Corbucci 4, Marcacci 1, Cruciani Co., Schepers Lena, n.e. Puchaczewski, Gradassi, Pompili, Lib. Rocchi
All. Bovari e Panfili
SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Crepaldi 14, Ronconi 14, De Fonzo 11, Salvia 8, Cecchi 6, Baldini 1, Bacci, Buono, Cecconi, n.e. Nale, Mannini, Lib. Agresti
All. Latini
Arb. Caretti Stefano, Di Blasi Giuseppe Maria
Una netta sconfitta per 0-3 sancisce l’allontanamento momentaneo dalle posizioni play-off della Gecom Perugia. La squadra di Bovari non e’ riuscita a scalfire la corazzata Scandicci, scendendo in campo senza la giusta grinta ed attenzione per incidere su una partita cosi’ delicata ed importante del girone C, che poteva lanciare le magliette nere verso un obbiettivo che sembrava facilmente abbordabile nel girone di andata. Una parziale attenuante viene dalla assenza del bomber Jessica Puchaczewski infortunata alla caviglia e sostituita da una ottima Montechiarini. In avvio di set Tosti e Delfino allungano 4-1. Scandicci accorcia con Crepaldi e con sbavature delle padrone di casa 5-5. Montechiarini con un mano e fuori sancisce il primo time out tecnico 8-7. Al rientro in campo Delfino porta avanti la Gecom 12-9. Poi per le magliette nere si spenge la luce, come purtroppo accade spesso e vanifica tutte le buone cose fatte prima. Con errori grossolani e perdita di lucidita’, la squadra di Marcacci & c. subisce un parziale di 7 punti, da 12-9 a 12-16. Bovari striglia con veemenza le proprie atlete che riprendono a giocare, Rocchi riceve bene e Marcacci puo’ servire una straordinaria Cruciani Cristina che aggancia le toscane sul 23 pari. Un fallo di palleggio fischiato dall’arbitro, molto dubbio e fuori luogo, vista la condotta tenuta fino a quel momento, sancisce il 23-24 per Scandicci. Perugia non molla e si riporta avanti 25-24 con un attacco di Delfino. Con un set ball in mano, pero’ la Gecom non ne approfitta, mentre Scandicci centra l’obbiettivo alla seconda occasione 26-28. Nel secondo e terzo set Scandicci sale in cattedra, trascinate da Crepaldi e Ronconi che diventano imprenbili in attacco. Perugia prova a contrattaccare ma trova sulla strada il libero Agresti che difende tutto quello che passa la rete. In queste condizioni la Gecom smette di lottare e Scandicci si prende i due set e partita con parziali 19-25 e 18-25.