Martina Delfino

La Gecom Perugia paga pesantemente i troppi errori

GECOM PERUGIA – T.V. FALCONARA LORETO 1-3 ( 27-25, 17-25, 23-25,23-25)
PERUGIA: Cruciani Cri. 17, Puchaczewski 15, Tosti 12, Delfino 11, Corbucci 7, Marcacci 3, Gradassi, n.e. Montechiarini, Pompili, Schepers Lib. Rocchi
All. Bovari e Panfili
FALCONARA- LORETO: Banchieri 17, Sabbatini 15, Tozzo 13, Bellucci 12, Sampaolesi 10, Di Iulio 5, Tamantini, n.e. Pieroni, Isolani,Mosca Lib. Brutti
All. Cerusico e D ‘ Angelo
Arbitri: Sandro Paolieri e Gianluca Urbano.
Ancora un brusco stop per la Gecom Perugia che di nuovo getta al vento una partita che avrebbe potuto condurre positivamente in porto con un po’ piu’ di determinazione. La sconfitta per 1-3 contro Falconara-Loreto e’ maturata per i troppi errori e disattenzioni concessi nelle fasi cruciali del match e di poca incisivita’ degli schiacciatori di banda. Le marchigiane ci hanno creduto piu delle padrone di casa, aspettando con pazienza le troppe sbavature concesse, e vincendo la partita soprattutto in difesa, finalizzando al meglio gli esaltanti salvataggi di cui sono state protagoniste. Primo set punto su punto fino al secondo timeout tecnico dove Perugia conduce 16-15. Al rientro guizzo di Cruciani e Tosti che allungano 20-15. Imprecisioni in attacco e battuta rimettono in gioco Falconara che aggancia la parita’ 22-22. Sbroglia nel finale Corbucci 27-25 che archivia positivamente un set con ben 12 errori concessi. Nel secondo parziale Perugia prova subito ad allungare con Puchaczewki 5-1. Banchieri e Bellucci accorciano il vantaggio per poi andare ad allungare 12-16 al secondo time out tecnico. Bovari prova a cambiare inserendo Gradassi su Delfino, ma la situazione non muta e le ospiti vanno a chiudere 18-25. Nel terzo parziale Cruciani Cri. prova a prendere per mano le proprie compagne e trascina Perugia avanti 12-8. Ancora molte imprecisioni del sestetto perugino rimettono in gioco Falconara che aggancia di nuovo la parita’ sul 16-16. Banchieri e Sabbatini diventano imprendibili e chiudono il set 23-25. Quarto set gestito in maniera sciagurata dalle magliette nere che prima si portano avanti 16-8 poi regalano il set alle marchigiane commettendo errori possibili ed impossibili. Le ospiti si rimettono in gioco cominciando a credere al successo finale e meritatamente vanno a chiudere il set 23-25.