Lena Schepers

La Gecom vincente anche a Cagliari

ALFIERI CAGLIARI – GECOM SECURITY PERUGIA 1-3 (12-25, 13-25, 28-26, 21-25)
ALFIERI CAGLIARI: Dimitrova 12, Soppelsa 11, Allegretti 9, Gargiulo 6, Cali 5, Mereu, Paris 2, Lebiu, Boi, Orro Lib. Piras
All. Langiu e Ventura
GECOM PERUGIA: Tosti 17, Cruciani Cri. 15, Puchaczewski 13, Corbucci 12, Delfino 12, Marcacci 3, Schepers 5, n.e. Cruciani Co., Montechiarini, Gradassi Lib. Rocchi
All. Bovari e Panfili

Prosegue lo striscia positiva della Gecom che espugna il campo di Cagliari con un indiscusso 3-1. Il risultato non è mai stato in bilico, con Perugia che ha sempre avuto in mano le redini del gioco. Le grifoncelle partono fortissimo con Marcacci che rifornita al meglio dalla ricezione di Rocchi, può variare al meglio il gioco in attacco, privando di riferimenti il muro cagliaritano. Tosti e Crucini Cri. martellano senza pietà la difesa di casa, creando così un primo divario sul 5-8 e poi al secondo time out tecnico 7-16. La Gecom forza molto la battuta per evitare di far servire le due centrali isolane, le pedine più importanti in attacco dello scacchiere dell’Alfieri. La Gecom continua inarrestabile la marcia chiudendo il primo set 25-12. Nel secondo parziale è sempre un monologo delle magliette nere che trascinate da Corbucci e Puchaczewski travolgono ancora le padrone di casa 13-25. Nel terzo set le grifoncelle tornano in campo allentando la presa con un vistoso calo di aggressività. Cala forza e precisione in battuta e Cagliari si rianima con i due centrali Dimitrova e Allegretti che diventano imprendibili in attacco, portando la propria squadra avanti al primo time out tecnico 8-4. La Gecom si ricompone e comincia a ricucire lo strappo con Delfino che sancisce il 15-16 al secondo time-out obbligatorio. Sul 19-21 una tegola cade sul team perugino con Marcacci costretta ad abbandonare il campo per un leggero infortunio alla caviglia e Bovari inserisce Schepers in regia. LA Gecom perde ragionevolmente un po’ di lucidità sull’organizzazione di gioco ma si ritrova subito dopo andando a servire per il primo match ball sul 25-26. Le magliette nere tentennano e Cagliari ne approfitta chiudendo 28-26. Nel quarto set la squadra di casa rientra in campo rinvigorita e comincia a giocare sfruttando tute le pedine a disposizione. Schepers si dimostra all’altezza in regia, racimolando inoltre ben 3 punti al servizio con la sua battuta precisa e insidiosa. AL secondo time out tecnico la Gecom è avanti 11-16 e con facilità controlla la partita chiudendo la quarta frazione 21-25.