Una Gecom indomabile consolida il secondo posto

GECOM SECURITY PERUGIA – VALDARNO VOLLEY FIGLINE 3-1 (27-25, 26-28, 25-22, 25-15)
GECOM SECURITY PERGUIA: Tosti 21, Puchaczewski 19, Cruciani Cri. 19, Cruciani Co. 12, Marcacci 6, Gradassi 3, Corbucci 1, ne. Delfino, Montechiarini, Pompili, Schepers Lib. Rocchi
All. Bovari Fabio e Panfili Daniele
VALDARNO VOLLEY FIGLINE : Panucci 20, Puccini 15, Tani 12, Ambrosi 9, Ranieri 2, Zuccarelli 2, Poggi 8, Lippi, n.e. Mori, Gineprini, Rossi Lib. Carrara
All. Biagi Barbara e Mercatali Luca
Arbitri: D’Angelo Elisa e Labanti Luca
Una prestazione corale, infarcita di grande determinazione e spessore tecnico hanno portato la GECOM Perugia alla vittoria per 3 set a 1 contro il Valdarno Volley nella nona giornata del girone di andata, consolidando così il secondo posto solitario in classifica.
Bovari ha dovuto sopperire alla indisponibilità di Martina Delfino, schierando Puchaczewski schiacciatrice di banda, ricoprendo il ruolo in maniera egregia. Spazio anche a Gradassi come opposto che esordisce da titolare svolgendo ottimamente il proprio compito. Il Valdarno Volley ha dimostrato di essere una squadra che non merita la posizione in classifica in cui si trova, mettendo in mostra una capacità difensiva incredibile non sostenuta allo stesso modo dall’attacco e dal muro.
Avvio di partita molto equilibrato, con la Gecom alla ricerca dell’armonia con il nuovo assetto. Panucci e Tani fanno da battistrada per le toscane che sfruttando anche gli errori delle padrone di casa si portano avanti al primo time-out tecnico 7-8 ed al secondo 14-16. Cruciani Cri. e Tosti provano a contenere il divario, ma il Valdarno allunga ancora portandosi sul 16-20. Le grifoncelle si ricompattano, la ricezione di Rocchi risale di livello e Marcacci può riprendere a variare ottimamente il gioco. Cruciani Cri. sancisce con un muro il pareggio 22-22. Dopo due set ball mancati, Cruciani Co. con due attacchi consecutivi in fast chiude il set 27-25. Nel secondo set la musica non cambia con le due squadra a braccetto fino all’ otto pari. Puchaczewski cresce in attacco aprendo un mini break 14-11. Puccini risponde per le rime e porta le proprie compagne al secondo time-out tecnico avanti 15-16. DA cardiopalma il finale di set con Perugia che fallisce ben tre set-ball, mentre Valdarno chiude al primo con un attacco di Poggi 26-28 subentrata ad una spenta Zuccarelli. Nel terzo set La Gecom soffre troppo in ricezione impedendo a Marcacci di sfruttare a dovere il potenziale offensivo delle proprie compagne. Bovari prova ad alzare il muro inserendo Corbucci al posto di Gradassi, nel tentativo di frenare le schiacciatrici ospiti. Valdarno con Puccini e Tani continua a macinare gioco portandosi ancora avanti 10-14, capitalizzando anche le incredibili difese del proprio libero Carrara, capace in alcuni momenti di esaltare le proprie compagne. Ma La Gecom stringe i denti e con pazienza e tenacia combatte punto su punto. Puchaczewski e Tosti salgono in cattedra, sciorinando un repertorio di colpi in attacco esaltante che piega la volontà delle toscane 25-22. Oramai tutti gli indugi sono rotti ed il quarto set diventa un monologo perugino che chiude la partita 25-15. Sabato prossimo scontro al vertice a Viserba, che testerà in maniera sostanziale la capacità di Perugia di stare al vertice della classifica.